"Grand Finale"

  • ARTICOLO

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare sul sito accetti l´utilizzo dei cookie maggiori dettagli

  • "Grand Finale"

    Lunedì 27 Novembre 2017


    Ogni azione, ogni oggetto presente nel Cosmo nasce per condursi verso la propria stessa distruzione, compreso ciò che avviene nel ritaglio di uno spazio virtuale, di una realtà artificiale, da noi creata.

    Ma il contesto concede una possibilità d'uscita, una via di fuga dal baratro della perdizione e dell'oblio.
    Nello scontro titanico che s'accinge a svolgersi, una gruppo ha la possibilità eludere la propria possibilità di distruzione: la frustrazione di una sconfitta altera, se non addirittura rompe i delicati equilibri creatisi nel tempo. La solidità del gruppo determinerà le conseguenze di una, e dell'altra eventualità.

    Le ricchezze acquisite in anni di dedizione, di incessante volontà di perfezionamento del proprio creato, sono il fiore all'occhiello di ogni possessore di un personaggio in questo gioco. Come in ogni società poi, compresa quella metiniana, al benestare economico del personaggio corrisponde un equivalente grado di onore, che determinata lo status del personaggio all'interno del gioco. Ma l'onore non conduce alla gloria, il più alto fine delle nostre vite di giocatori.

    La gloria è la vetta più alta, il ricordo che permane nelle menti e nelle pagine di un forum come questo, ma soprattutto nelle menti. E che permane anche dopo la fine di ciò che attualmente è.


    La possibilità di gloria è concessa da una guerra, la quale vede affrontarsi il meglio di ciò che attualmente Bamboo può offrire: Crown e Madness.
    Passando ad un'analisi un po' più tecnica, si può tranquillamente evincere che entrambi i gruppi prediligono l'attacco (e di conseguenza un equipaggiamento da danno) piuttosto che la difesa (e di conseguenza si precludono la possibilità di reggere un quantitativo maggiore di avversari).

    L'antico proverbio che cita "L'attacco è la miglior difesa" va qua a farsi benedire. Ne giova lo spettacolo.

    Ne deriva che, brutalmente, in termini di strategia concreta, l'attacco delle squadre si concentrerà, in massa, su singoli obbiettivi, in modo tale da ottimizzare il tempo ed aumentare il totale delle uccisioni. O almeno, idealmente.
    Il Totobamboo anche quest'anno offre le quote relative allo scontro:
    la vittoria della gilda Crown è data a 1.55 la posta, mentre la gilda Madness è data a 1.95 rispetto la posta.
    Improbabile la possibilità di pareggio (e comunque non compresa nelle quote).
    Dalle quote si comprende come la differenza tra i due gruppi sia estremamente labile, il fattore "inquotabile" che fungerà da spartiacque tra i due gruppi sarà il grado di coesione dello stesso gruppo, e la solidità (ed allo stesso tempo la duttilità) della strategia adottata, tanto più che la differenza tra gli equipaggiamenti dei gruppi rivali è pressoché nulla.
    Inoltre è data a 12.5 volte la posta la possibilità che almeno un personaggio effettui più di 10 uccisioni. Se avete Bamboocoins da buttare, investiteli qua. Meglio che giocare in borsa.

    Frecciatine ed un leggero velo di astio sono il leitmotiv che corona il contesto di questa guerra, ancor più dato che lo scontro si svolge tra due gruppi antitetici, rivali, tra i quali si può dire, senza paura d'esser contraddetti, non scorre buon sangue. Gli esiti stessi dello scontro daranno una panoramica della situazione che potrà venire a crearsi nel grande evento in programma: il magnifico torneo 12vs12.

    Di seguito vengono inoltre riportate una serie di informazioni utili, le quali possono aiutarci a comprendere, o a smentire, le possibilità di esito del tanto atteso "Grand Finale":
    la gilda Crown ha perso zero guerre dall'inizio della competizione, la gilda Madness ne ha persa una durante la fase a gironi;
    la storia che caratterizza le due compagini si contraddistingue per un carattere di solidità e stabilità da una parte, e di trasformazione dalla'altra. Il gruppo Crown è quello che appare più solidamente fondato, capace di resistere alle avversità esterne, migliorando il proprio organico unicamente con innesti mirati (tra tutti, Gymkhana). La gilda Madness ha subito indubbiamente una più vivace trasformazione, con cambiamenti anche profondi, accompagnati da notevoli miglioramenti in termini sia di organizzazione, sia di equipaggiamento;
    la gilda Crown ha fatto il maggior numero di uccisioni in tutto il torneo, e ne ha subite all'incirca nella stessa quantità di quelle subite dal gruppo Madness;
    i giocatori con all'attivo il maggior numero di uccisioni sono Cinesotto (per Crown) e Neferpito (per Madness): da ciò si comprende come il personaggio in grado di spostare gli equilibri sia il ninja arco (e non Leonardo Bonucci). Altrettanto importante da notare è che, le uccisioni all'attivo di un ninja arco dipendono strettamente dalla capacità di difesa dell'intero gruppo del personaggio (oltre che dall'abilità del personaggio stesso), creando così una sfera di protezione, che permette al personaggio di agire indisturbato ed adempire ai propri doveri di assassino. Quindi, chapeau ad entrambi i gruppi.


    Un articolo del genere non è esattamente di mia competenza, infatti le informazioni che irrorano questo articolo me le ha fornite il buon caro DrT30, il mio compito ha quindi consistito nel dar forma alle idee. Il merito di quest'articolo va quindi a lui. Grazie mille Teo.

    Concludere con una conclusione ad affetto non è affatto facile, perché il rischio di incorrere nella banalità è assai alto. Concluderò dunque così:

    Fuoco alle polveri! (anche se non sono implementate armi da fuoco all'interno del gioco :S )
    E godiamoci questo Grand Finale!

    Il messaggio è stato editato 3 volte, ultima volta da Shmurda ()..

  • Effettivamente ti sei contraddetto con il proverbio dell'attacco è la migliore difesa.
    Hai usato un linguaggio forbito ma il contenuto è forviante e soprattutto confonde le idee ai new player.
    "Il ninja arco fa le kill e deve essere difeso dal suo team" mh..
    I ninja arco frecciano ogni 0,8 secondi e hanno il 90% di prendersi la kill perchè danno quasi sempre l'ultimo colpo, se non ci fosse l'arco la kill andrebbe a un sura nero/shamano cura. Il ninja arco è un player come altri e non va difeso. Da come lo hai descritto sembra un 1v1 e 7 pg in difesa.

    Ti consiglio di scrivere articoli di cui sei certo del contenuto. Penso che la gente vuole leggere un articolo per le sue informazioni e non per la bella punteggiatura.
    Non prenderla a male, ma visto da un player con esperienza ha parecchi difetti.


    Skaley - Firma
  • Per quanto riguarda il contenuto, non posso che dare ragione a chi dica che sia scarno. Il tema dell'articolo non era assolutamente nelle mie corde, lo ho scritto semplicemente perché avevo il dovere di scrivere l'articolo. Poi, non conoscendo nel dettaglio l'argomento, è normale che il contenuto rimane vago e poco approfondito, e per ovviare a questa mancanza ho puntato sull'ironia.

    Errori grammaticali non ne vedo.


    Nymos ha scritto:

    Effettivamente ti sei contraddetto con il proverbio dell'attacco è la migliore difesa.
    Hai usato un linguaggio forbito ma il contenuto è forviante e soprattutto confonde le idee ai new player.
    "Il ninja arco fa le kill e deve essere difeso dal suo team" mh..
    I ninja arco frecciano ogni 0,8 secondi e hanno il 90% di prendersi la kill perchè danno quasi sempre l'ultimo colpo, se non ci fosse l'arco la kill andrebbe a un sura nero/shamano cura. Il ninja arco è un player come altri e non va difeso. Da come lo hai descritto sembra un 1v1 e 7 pg in difesa.

    Ti consiglio di scrivere articoli di cui sei certo del contenuto. Penso che la gente vuole leggere un articolo per le sue informazioni e non per la bella punteggiatura.
    Non prenderla a male, ma visto da un player con esperienza ha parecchi difetti.
    Il tuo pensiero non fa una piega, che occhio da giurista :S